ELISA GREZZANI - THE FLOW

Mercoledì 15 Settembre alle ore 18, la Galleria Stefano Forni è lieta di ospitare la mostra “The Flow” dell’artista Elisa Grezzani che a pochi mesi dall’importante personale svoltasi presso il Palais Mamming Museum di Merano (BZ), sarà presente a Bologna con una selezione della sua più recente produzione artistica.

“La pittura di Elisa Grezzani - scrive Letizia Ragaglia- nasce dalla composizione di livelli, contrasti di colori e forme che generano un gioco di tensioni sulla superficie pittorica. La pratica artistica di Elisa Grezzani, che usa lavorare parallelamente su diverse opere e diversi formati, si sviluppa da una ricerca quasi distaccata e neutrale sul gesto pittorico. Utilizzando tavole di legno e carta, l’artista stende strati di colori diversi creando un’attenta coreografia di colori e di forme (…). La matericità del colore, ad olio e acrilico, è attenuata da uno strato di resina stesa sull’intera opera. Grazie alla sua trasparenza, la resina crea profondità di campo ed esalta i giochi di luce. (…).” (da Dialoghi in luce L. Ragaglia)

“I numerosi strati conferiscono alle opere un certo dinamismo, le esplosioni di colore colpiscono il fruitore sia a livello emotivo che fisico: questa pittura cross-space colpisce attraverso la sua sensualità e la sua ambiguità materiale.” (da Una pittura che invade lo spazio L. Ragaglia)

Gli ultimi lavori che saranno presenti a Bologna si caratterizzano per un uso sapiente e spregiudicato del colore. “Tra ermeneutica ed erotica – scrive Gabriele Salvaterra - il lavoro pittorico di Elisa Grezzani sceglie decisamente il secondo polo con opere che stupiscono per la loro energia e il loro colore, per una generale felicità nella realizzazione e nella fruizione che difficilmente si incontrano nei circuiti a tratti seriosi o concettuali dell’arte alta. Una felicità contagiosa in grado di rinvigorire i sensi e ricordare come la nostra presenza corporea e percettiva sia fondamentale per vivere con consapevolezza la propria vita.

I colori hanno un forte carattere contemporaneo, perché distanti dal cromatismo oscuro del passato, intensi e quasi fluorescenti. Rimandano a un’esperienza tutta legata all’oggi, non sono naturalistici ma volutamente artificiali, al limite del sintetico. Eppure nel loro attento dosaggio, nelle stesure sviluppate per sovrapposizioni, accostamenti, trasparenze e coperture, riescono a raggiungere anche una forma di sofisticato equilibrio, quasi una classicità che non ci si aspetterebbe di riscontrare visti gli ingredienti esplosivi di partenza. Questa forma di bilanciamento, infatti, conserva tutta la potenza delle singole spinte energetiche e fughe centrifughe dissonanti che trovano però un’armonia nella reciproca influenza, senza venire attenuate o perdere la loro satura purezza.” (da Per un’erotica dell’arte, di G. Salvaterra)

Elisa Grezzani è nata a Bressanone nel 1986. Vive e lavora a Bolzano.

L’incontro si terrà in sicurezza e in conformità con le vigenti regole per contrastare la diffusione del Covid-19.

- - - - - - - - - - - - -

On Wednesday 15 September at 6 pm, Galleria Stefano Forni is pleased to present the exhibition “The flow” by the artist Elisa Grezzani which, a few months after the important solo show held at the Palais Mamming Museum in Merano (BZ), will be presented in Bologna with a selection of his most recent artistic production.

“Elisa Grezzani’s painting - writes Letizia Ragaglia - is born from the composition of levels, contrasts of colors and shapes that generate a play of tensions on the pictorial surface. Elisa Grezzani’s artistic practice, which she uses to work in parallel on different works and different formats, develops from an almost detached and neutral research on the pictorial gesture. Using wooden boards and paper, the artist spreads layers of different colors creating a careful choreography of colors and shapes (…). The materiality of the color, oil and acrylic, is attenuated by a layer of resin spread over the entire work. Thanks to its transparency, the resin creates depth of field and enhances the play of light. (…). “(From Dialoghi in luce L. Ragaglia)

The numerous painted layers lend the works an individual dynamic, and the bursts of color strike the viewer on an emotional and physical level: the force of the expansive paintings lies in their sensuality and material ambiguity.” (L. Ragaglia “A painting, which breaks spatial boundaries”, 2021)

“Between hermeneutics and erotica, the painting of Elisa Grezzani definitely opts for the latter, with works that stand out for their dynamism and use of colour, and the positive energy of their creation and appeal, something that can be difficult to find in the serious or conceptual circles of high brow art. It is a contagious energy that awakens the senses and reminds us that physical presence and perception is essential to living life with awareness. The vibrant, almost fluorescent, colours are extremely contemporary, far removed from the dark tones of the past. They resonate with phenomena of the present day, eschewing naturalness in favour of something deliberately artificial, bordering on the synthetic. Yet in the measured use of colour – applications that are layered and juxtaposed, transparent or covering, these works also manage to achieve a sophisticated form of balance that is almost classical in nature, and that we would not expect to find, given the explosive ingredients that the artist starts out from. This balance indeed preserves all the power of the individual impulses and the dissonant centrifugal forces that nonetheless come together harmoniously, exerting a reciprocal influence yet losing none of their force or depth of purity. The work thus presents itself as a complex organism that does not need to be deconstructed or analyzed but simply waits - no small thing! - to be met by the viewer’s gaze, in what becomes an opportunity for mutual, silent enrichment.”

(Gabriele Salvaterra “an erotics of art”, 2021)

Elisa Grezzani is born in Bressanone in 1986. She lives and works in Bolzano.

OPERE/WORKS